altraQnews, Artigianato equo e solidale, Progetti di altraQualità, Promoetica, Trame di storie: abbigliamento equosolidale

L’etica va di moda? altraqualità all’Ethical Fashion Show

altraQualità sta facendo un tuffo tra i grandi nomi della moda internazionale: David e Cristina in questi gioni sono a Milano alla prima edizione italiana dell’Ethical Fashion Show, una manifestazione internazionale nata per diffondere e promuovere un approccio etico e alternativo alla modaTrame di Storie, la linea di abbigliamento disegnata da Cristina e realizzata da alcuni dei nostri produttori in India, Bangladesh, Vietnam, è stata selezionata insieme ad altre 9 collezioni da tutto il mondo per partecipare alla prima edizione italiana, al White, uno spazio che solitamente è occupato dai grandi nomi della moda internazionale. Già ieri il nostro spazio è stato visitato da giornalisti e proprietari di negozi, conquistati oltre che dai colori e dalla morbidezza degli abiti anche dalla originalità della bigiotteria in tagua di Piel Acida e dalle borse di Cyclus e Manifactura Arizas. All’Ethical Fashion abbiamo presentato la linea in cotone organico prodotta da Assisi Garments e certificata da Icea secondo gli standard GOTS (Global Organic Textiles Standard) e una anteprima della nuova collezione primavera estate 2009 (di cui vi racconteremo nei prossimi giorni, intato potete vederne alcune immagini sull’album di Flickr che abbiamo chiamato Fair and Organic Lifestyle).

Ieri ci siamo concessi anche una passeggiata nei padiglioni dei marchi più famosi, per capire, confrontarci e sentire dove va il mondo della moda “tradizionale”. Una direzione equo solidale o socialmente responsabile ci è parsa molto lontana, anche se aleggiava un vago interesse per una moda sostenibile almeno dal punto di vista ambientale. Alcuni marchi infatti presentavano linee in tessuti naturali o materiali riciclati, ma non avevano uno specifico progetto di recupero o di certificazione organica: l’impressione che ci hanno lasciato è quella di una proposta passeggera, più che una ricerca di lunga durata (che abbiano mai sentito parlare di greenwashing?) A proposito di verde e di “moda”, un consiglio di lettura che ci hanno appena inviato: Il verde va con tutto. Come cambiare il mondo con stile. Edizioni TEA. E’ appena uscito, noi non lo abbiamo ancora letto, se qualcuno l’ha già acquistato e ci vuole raccontare cosa propone, le porte del blog sono aperte!